informazioni sul mondo del lavoro Cosa è e a cosa serve il CCNL

Lingua: Italiano    |    Paese: Italia    |    GMT: +1.00 h Home    |    Mappa    |    JobFinder    |    Lavoro & Carriera    |    FAQ
 
 
Postato Venerdì 16 Maggio 2008 alle ore 13:18:47 da Stefania Vittori
La sigla CCNL è l'acronimo di Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro e nasce per disciplinare i rapporti tra lavoratori e datori di lavoro. Collettivo perchè riguarda indistintamente tutti i lavoratori del settore oggetto del contratto e nazionale perchè vale per tutte le aziende che si trovano all'interno del territorio italiano.
Il CCNL è il frutto della trattativa tra i sindacati dei lavoratori e le associazioni dei datori di lavoro. Le due parti si riuniscono periodicamente per discutere dei contenuti del contratto che regola il rapporto di lavoro sia dal punto di vista normativo (disciplina dell'orario, qualifiche e mansioni, stabilità del rapporto, ecc.) sia dal punto di vista economico (retribuzione, trattamenti di anzianità ecc.).
La contrattazione collettiva si svolge a diversi livelli: interconfederale (cui partecipa spesso anche lo Stato in funzione di mediatore), di categoria, locale ed aziendale. I contratti che hanno oggi maggiore rilevanza sono i contratti collettivi nazionali di lavoro conclusi a livello di categoria. Sebbene il CCNL rappresenti lo standard de facto per quanto rigurda il rispetto dei principi e l'applicazione di tutte le norme che regolamentano il mercato del lavoro ogni azienda può comunque integrare il contratto nazionale in senso migliorativo.
Il CCNL di categoria viene rinnovato nella parte economica ogni due anni, per poter assolvere alla funzione essenziale di tutela del salario reale, mentre ha in genere una durata di quattro anni per quanto riguarda la parte normativa.
Ogni settore ha il suo contratto collettivo, ne esistono perciò molteplici come ad esempio il CCNL del commercio, dei metalmeccanici, del turismo, della sanità, degli enti locali, ecc.
Riportiamo di seguito i macrosettori lavorativi in cui, secondo quanto riportato sul sito del CNEL (Consiglio Nazionale dell'economia e del lavoro www.cnel.it), sono suddivisi i CCNL:
  • Agricoltura
  • Chimici
  • Meccanici
  • Tessili
  • Alimentaristi - Agroindustriale
  • Edilizia
  • Poligrafici e Spettacolo
  • Commercio
  • Trasporti
  • Credito Assicurazioni
  • Aziende di Servizi
    • Turismo
  • Amministrazione Pubblica
    • Sanità
  • Enti e Istituzioni Private
  • Altri Vari
Ognuno di questi settori ha poi delle sottocategorie che individuano piu' dettagliatamente il tipo di impresa. Ad esempio per i Meccanici le categorie sono: Metalmeccanica Artigiane, Cooperative, Industrie, P.M.I. ecc.
Pubblicato in Legge e lavoro
Segnala su: Submit to Blinklist Submit to del.icio.us Submit to Furl Submit to Magnolia Submit to Netvouz Submit to Reddit Submit to Segnalo Submit to Smarking Submit to Technorati Submit to Yahoo
« post precedente post successivo »
Inserisci il tuo commento:
All'interno dei commenti non sono consentiti:
  • Messaggi non inerenti il post
  • Messaggi anonimi (senza nome e cognome)
  • Messaggi con linguaggio offensivo
  • Messaggi che contengono contenuto razzista
  • Messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
Gli operatori di CvEngine potranno in qualsiasi momento, a loro insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi. La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri.
Se hai dei dubbi leggi "Termini e condizioni".

* Nome

* Indirizzo e-mail (non verrà visualizzato)

* Commento

 
CvEngine ottempera alla normativa vigente nello Stato Italiano sulla privacy
Termini e condizioni    |    Privacy    |    Cookie    |    Siti Partner    |    Contatti powered by Kosmous